Immersioni

Punta Secca

Nome: Punta Secca
Luogo: Isola di Giannutri
Tipologia: Parete
Profondità: 55 metri
Difficoltà: Tecnica
Coordinate: Latitude : 42.267 Longitude : 11.117
Descrizione: Una delle più belle pareti che conosca. Se si vuole godere pienamente delle bellezze di questa perete è necessario scendere oltre i 42 metri delle immersioni ricreative. La parete è in pratica una cigliata che parte dai 22-24 metri di profondità e scende verticale fino ai 50-55 metri. La presenza di una quantità incredibile di anfratti e la vicinanza alla zona del parco di Giannutri permette di vedere moltissima vita. Non senza difficoltà si incontrano infatti astici, aragoste, gamberetti (nuvole di gamberetti), scorfani, murene, musdee, gronghi assieme ad una infinità di castagnole e, a volte, nel blu, alcuni pesci di passo. La difficoltà di questa immersione, oltre che la profondità, è nell'orientamento. Ovviamente dipende da dove ormeggia la barca, ma sbagliare la direzione significa magari prendere la cigliata a una profondità maggiore dei 22-25 metri indicati visto che non è perfetamente dritta e di conseguenza, da un lato ridurre la parete e dall'altro "partire" da una maggiore profondità con tutti i relativi problemi di consumi e di curva di sicurezza. Come se non bastasse bisogna prestare molta attenzione a non "sforare" i limiti dell'area protetta nella quale non sono assolutamente permesse navigazione e immersioni. Per quanto possa valere il mio parere credo che una buona attrezzatura per effettuare questa immersione sia un bibo 10+10 e magari una decompressiva EAN50 da 7 litri che può permettere di ridurre i tempi di decompressione che può essere condotta tranquillamente sulle pareti meno profonde dell'isola di Giannutri una volta risaliti dall'abisso.
E-Mailaci